E’ il momento del Coworking

13-11-2015 da Alessandro Mazzoli

Report per immagini (e storify) sull’evento Coworking Europe 2015 in corso di svolgimento a Milano (11-13 Novembre 2015)

Un appuntamento internazionale giunto alla 6^ edizione annuale e che raccoglie le più significative esperienze in tema di lavoro condiviso del Vecchio Continente: coworking manager, imprenditori, freelance, nomad worker provenienti da tutto il mondo, si sono incontrate a Milano per discutere del futuro del lavoro, della crescita delle community collaborative e del ruolo dei freelance nella società. Quest’anno la Conferenza era all’interno della Collaborative Week (la 8 giorni per parlare di casa, lavoro, comunità e piattaforme)

Noi ce le siamo perse entrambe …e siamo andati a vedere cosa è successo grazie a storify.


PRIMA GIORNATA

 

  SECONDA GIORNATA    

TERZA GIORNATA

Il prossimo appuntamento che riguarderà invece l’Emilia-Romagna e avrà con un taglio specifico sulle politiche giovanili, è fissato per il 3 Dicembre c/o Spazio Eco di Casalecchio di Reno (BO).

 

State collaborativi, dunque !

Politiche giovanili in Italia, una nuova raccolta su Paper.li

12-11-2015 da Alessandro Mazzoli

Fa il suo esordio il nostro newspaper sulle Politiche giovanili in Italia.
Sulla nota piattaforma di aggregazione Paper.li abbiamo raccolto in modo ragionato ma in fase di completamento tweet ed attività social di Account, Antenne (ricettive), Amministrazioni (propositive), Assessorati (sensibili), Associazioni (attive), attivisti blogger giornalisti ecc. che a vario titolo parlano di ‘politiche giovanili’ e dintorni in Italia.

 

 

Se volete segnalare un riferimento o cancellarvi: redazione@infoegio.it

 

polpo rosa

 

Ricordiamo che continuano le nostre raccolte che fanno parlare gli informagiovani in Italia e gli Europe Direct

La sicurezza stradale in Europa, in un’App

26-08-2015 da Simona Guidetti

Qual è il limite di velocità sulle autostrade spagnole? Devo portare il casco quando vado in bicicletta in Svezia? Quali sono le regole per la guida a sinistra in Gran Bretagna?

Going-abroad

Pensando a queste e tante altre domande, la Commissione Europea ha sviluppato un sito web ed una app gratuita per smartphone (Android, iOS e Windows) che permette di conoscere in anticipo le principali regole per la guida in ciascun paese dell’Unione.

La app permette anche di scaricare i dati relativi al paese di destinazione, in modo da consultarla offline e non avere costi relativi alla connessione in roaming.

Scuola di Alta Formazione Belmond

26-08-2015 da Simona Guidetti

In partenza a gennaio 2016 due percorsi formativi, Commis de partie e Chef de partie, finalizzati all’assunzione, realizzati dall’azienda alberghiera Belmond Italia. Scadenza iscrizioni: 30 novembre 2015.

Il corso è destinato a maggiorenni, disoccupati, inoccupati o inattivi di età inferiore ai 25 anni (per i Commis) o 30 anni (per gli Chef) . Sono ammessi anche i lavoratori con contratti atipici, a tempo parziale, stagionali, purché l’orario di lavoro sia compatibile con la regolare frequenza del corso, che si terrà a Genova.
Al termine del periodo stage si svolgerà l’esame finale.

È garantita l’assunzione di minimo il 70% degli allievi, che saranno inseriti con contratto di 6 mesi nelle strutture alberghiere a cinque stelle di Belmond Italia.

E’ possibile scaricare la scheda informativa ed il modulo per effettuare l’iscrizione sul sito www.abcformare.it

Le domande, comprensive di modulo di iscrizione e cv, dovranno pervenire entro il 30 novembre 2015, regolarmente firmate, solo attraverso l’indirizzo e-mail scuoladialtaformazione@belmond.com

Locandina

Per  ulteriori informazioni tel. 0103741310  oppure 0555678213.

Schede informative

Commis de partie

Chef De Partie

 

 

 

 

JOB&Orienta 2015 a Verona Fiere

28-07-2015 da Manuela Torricelli

Si ripete a Verona come ogni anno, l’appuntamento nazionale più atteso dal mondo della scuola e del lavoro. La 25esima edizione di JOB&Orienta 2015, in programma alla Fiera di Verona dal 26 al 28 Novembre prossimi, è l’evento di riferimento per operatori del settore, studenti e giovani in cerca di lavoro. Alternanza scuola-lavoro e apprendistato tra i temi caldi dell’edizione di quest’anno.

JOB&ORIENTA 2015

L’EVENTO
JOB&Orienta 2015, il Salone Nazionale dell’Orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, si riconferma appuntamento imperdibile per gli addetti ai lavori che qui trovano momenti di aggiornamento e confronto sugli argomenti oggi di più calda attualità, come la riforma della scuola e i cambiamenti in atto nel mercato del lavoro; e ancora per le famiglie e tutti quei ragazzi che hanno necessità di individuare e scegliere con consapevolezza il proprio percorso scolastico; infine per i giovani in cerca di occupazione con l’obiettivo di supportarli e fornire loro strumenti utili a una ricerca attiva e più efficace.

PROGRAMMA
Job&Orienta si divide in due grandi aree tematiche articolate in “6 percorsi contrassegnati ciascuno da un colore diverso” allo scopo di facilitare l’orientamento dei visitatori: la prima è riservata al mondo dell’ISTRUZIONE e comprende i percorsi Educazione e Scuole (arancione), Tecnologie e Media (oro) e Lingue straniere e Turismo (verde); la seconda è dedicata all’UNIVERSITA’, LA FORMAZIONE E IL LAVORO, con i percorsi Formazione accademica (blu), Formazione professionale (argento) e Lavoro e Alta formazione (rosso).
Si inserisce in quest’ultimo la Saletta TopJOB, un apposito spazio per workshop, incontri con aziende e seminari che insegnano a stendere un curriculum e ad affrontare un colloquio di lavoro, come pure a individuare i canali più efficaci per cercare occupazione. Da quest’anno si inserisce anche l’area JOB&Orienta Future, dove i giovani potranno incontrare direttamente le grandi aziende della tecnologia della comunicazione e dell’industria digitale.

Infine con JOBInternational e JOBinGreen, profili trasversali alla manifestazione, particolare evidenza è data rispettivamente alle realtà che offrono opportunità di stage, studio e lavoro all’estero e a quelle che si occupano invece di sostenibilità ambientale, economica e sociale.

A caratterizzare JOB&Orienta come sempre anche un importante calendario culturale, con numerosi convegni, dibattiti, tavole rotonde e seminari. Non mancheranno, infine, laboratori interattivi e simulazioni, spettacoli e momenti di animazione, che mirano a coinvolgere i visitatori e a valorizzare la creatività dei giovani e delle scuole.

COME SI PARTECIPA
Per partecipare è sufficiente registrarsi sul sito e scaricare il proprio badge di ingresso personale, completo di QRcode per accedere alle informazioni sugli espositori presenti e gli eventi in programma. L’ingresso al Salone è come sempre completamente gratuito.

JOB&Orienta 2015 è promosso da VeronaFiere e Regione Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

INFORMAZIONI
Segreteria organizzativa: LAYX, tel 0498726599, e-mail: job@layx.it
Sito web: www.joborienta.info
Facebook
Twitter

FUNDER35, l’impresa culturale che cresce

18-05-2015 da Manuela Torricelli

Al via il Bando fUNDER35 che mette a disposizione 2 milioni e 650 mila euro di risorse private per incentivare la nascita di nuove imprese culturali avviate da giovani al di sotto dei 35 anni. Le proposte dovranno essere presentate online entro il 10 Luglio 2015.

fUNDER35 - L'Impresa culturale CHE CRESCE

Il Bando fUNDER35, nato nel 2012 e giunto quest’anno al secondo triennio di attività, è dedicato alle imprese culturali non profit composte in maggioranza da giovani al di sotto dei 35 anni. E’ promosso grazie alle risorse provenienti da 18 Fondazioni private con il patrocinio di Acri – Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio spa.
L’obiettivo è sostenere e accompagnare le nuove attività sul piano organizzativo e gestionale, favorendone l’innovazione.

Territori coinvolti
I territori coinvolti dal Bando sono le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta e le province di Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna, Pordenone e Udine in Friuli-Venezia Giulia, le province della Spezia e di Genova in Liguria, le province di Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche, di Firenze, Livorno e Lucca in Toscana, le province di Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto.

Budget a disposizione
Il budget complessivo del bando 2015, che  include  anche  i servizi  di accompagnamento, ammonta a € 2.650.000.

Destinatari
L’iniziativa è rivolta alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, onlus, fondazioni, ecc..) composte in prevalenza da giovani di età inferiore ai 35 anni, impegnate principalmente nell’ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme, da quelle tradizionali a quelle di ultima generazione o nell’ambito dei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali.

Come si partecipa
Iscrizione e presentazione del progetto si effettuano online collegandosi direttamente al sito della Fondazione Cariplo entro il 10 Luglio 2015.

Informazioni
Bando 2015 del Progetto ‘funder35′
Fondazione Cariplo – tel. 026239504 (dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 17.30) – e-mail: funder35@fondazionecariplo.it
Facebook
Twitter
YouTube

DIS-COLL, la nuova disoccupazione per i lavoratori precari

04-05-2015 da Manuela Torricelli

In via sperimentale per tutto il 2015, la nuova indennità di disoccupazione mensile denominata Dis-Coll 2015 per Co.co.co e Co.co.pro.
Dall’Inps tutte le informazioni necessarie.

DIS-COLL

DIS-COLL, DISOCCUPAZIONE PER I PRECARI
La Dis-Coll, in vigore dal 1° Maggio 2015, è la nuova indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto. Si tratta di un nuovo strumento di sussidio introdotto dal Jobs Act, la Riforma del Lavoro del Governo Renzi, che mira a creare una nuova tutela per i lavoratori precari assunti con contratto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co) o a progetto (co.co.pro).

L’Inps, nella Circolare n. 83 del 27 Aprile 2015, detta le istruzioni operative alla prestazione introdotta dal Decreto legislativo 22/2015 di attuazione del Jobs Act. La nuova prestazione, inoltre, sostituisce la vecchia una tantum prevista dalla legge Fornero. Pertanto, le domande presentate tra l’1 Gennaio e il 27 Aprile 2015, che facciano riferimento a una perdita di lavoro avvenuta quest’anno, saranno gestite come richieste di Dis-Coll.

A CHI SPETTA
La misura è rivolta a tutti i lavoratori rimasti disoccupati dopo il 1° Gennaio 2015, che risultavano assunti con un contratto di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto.
Per avere diritto all’assegno, occorre aver perso il posto involontariamente, cioè senza dimissioni spontanee. Per comprovare il proprio status di disoccupato, il richiedente deve prima presentarsi al Centro per l’Impiego, dichiarare l’attività lavorativa appena cessata e l’immediata disponibilità a trovare lavoro.

REQUISITI

  • stato di disoccupazione al momento della domanda di prestazione
  • tre mesi di contributi calcolati a partire dal 1° Gennaio dell’anno precedente alla perdita del lavoro
  • aver versato almeno un mese di contribuzione oppure essere stato assunto con un contratto di durata superiore a 30 giorni

A QUANTO AMMONTA L’ASSEGNO
L’ammontare dell’assegno si calcola più o meno con gli stessi criteri previsti per la Naspi. È pari al 75% dell’ultimo stipendio, nel caso la cifra non superi i 1.195 euro. Se il reddito supera questa cifra l’indennità cresce, ma non potrà superare i 1.300 euro mensili.

DURATA
La DIS-COLL dura per un numero di mesi pari alla metà dei mesi di lavoro dell’anno in cui si è perso il lavoro, pertanto, non può essere versata per più di sei mesi.

COME PRESENTARE LA DOMANDA
La domanda può essere inoltrata per via telematica o cartacea, scaricando il modulo dal sito dell’INPS (sezione ‘Moduli‘ e poi ‘Prestazioni a sostegno del reddito‘), disponibile online a partire dall’11 Maggio 2015. Fino a tale data l’Inps accetterà le domande, provenienti da parte del cittadino o degli enti di Patronato, in forma cartacea.

PER APPROFONDIMENTI
Per ulteriori approfondimenti sulle tutele e le agevolazioni previste e sui principali contratti di lavoro subordinato atipico, consulta le schede informative contenute su Informagiovanionline.it, nella sezione:  Lavoro e impresa Tutela del lavoratore Diritti del lavoratore.

Borse di studio sui Teatri Storici della Liguria

21-04-2015 da Simona Guidetti

Il progetto Rete dei Teatri Storici della Liguria prevede l’assegnazione di tre borse di studio del valore di 800,00 (ottocento) euro cadauna per tesi relative a uno o più teatri storici del territorio ligure fra quelli indicati nel bando. Scade il  15 giugno 2015.

Teatro

Possono partecipare al concorso gli studenti dell’Università di Genova, dei Conservatori di Musica di Genova e di Spezia e dell’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova.

La  domanda  di  partecipazione  al  concorso,  debitamente  sottoscritta,  da  redigere  in  carta semplice, corredata  dalla  documentazione  richiesta, in busta chiusa sulla quale specificare “Bando Teatri Storici”, dovrà  essere  presentata  o  fatta  pervenire, entro  e  non  oltre  il 15 giugno 2015, a Palazzo  Ducale Fondazione Per  la  Cultura – Piazza  Matteotti  9  – 16123  Genova.

Nella domanda il candidato dovrà dichiarare: cognome e nome, luogo e data di nascita, cittadinanza, residenza, numero telefonico, numero di matricola,codice fiscale, indirizzo e-mail e recapito eletto ai fini del concorso se diverso dalla residenza (impegnandosi a comunicare eventuali cambiamenti dello stesso)

Alla  domanda  il  candidato  dovrà allegare copia  della  tesi  di  laurea conforme all’originale su  supporto
informatico.

Il Bando completo (.pdf)

Il progetto è stato ideato da Laura Sicignano, laureata in Storia del Teatro all’Università Cattolica di Milano e direttrice del Teatro Cargo di Genova,  ed è promosso dall’Assessorato alla Cultura della Regione Liguria in collaborazione con la Fondazione Palazzo Ducale, è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e realizzato con la partecipazione dei Comuni di Ventimiglia, Imperia, Pieve di Teco, Finale Ligure, Savona, Camogli, La Spezia, Sarzana e del Comune di Genova.